IN PRIMO PIANO - FLORA VIOLA

  • Stampa

10 anni senza Flora Viola 

Noi Romanisti sappiamo benissimo che la nostra bacheca ha ancora tanto posto libero per coppe e trofei, ma la nostra storia ha i suoi bravi record, quello recente delle vittorie in trasferta, i 10 successi iniziali con Garcia anno primo, poi, curiosamente, siamo la squadra che per prima ha viaggiato in aereo per una trasferta nazionale (Torino) e la prima squadra ad avere avuto una donna Presidente che sicuramente avrebbe volentieri lasciato al marito quel compito per tanti anni ancora. Invece, la morte improvvisa di Dino Viola il 19 gennaio 1991, una data con soli 2 numeri, ha portato Flora Viola alla guida della nostra Roma, magari per pochi mesi ma sicuramente belli e intensi come è stata tutta la gestione della famiglia Viola. Donna capace, di eleganza unica, con un sorriso che ti illumina e ti fa sicuro, subito entrata in sintonia con i tifosi Romanisti perché anche Lei, volente o no, è stata trascinata nella passione per i nostri e suoi colori da Dino. Prima donna Presidente del calcio a prendere in mano la Coppa Italia in una Roma distrutta dal dolore per la morte di Dino, passata di mano a Ciarrapico, forse l’antitesi del Presidente ideale ma capace di capire di poter porre nelle mani di Flora quell’ ultimo trofeo vinto per merito della famiglia Viola, come altre 4 e 1 scudetto. Noi UTR siamo particolarmente legati alla sua memoria per le tante nostre manifestazioni a cui Lei ha partecipato, come quella presso la Colonia Agip di Cesenatico che raccolse tutta la Romagna Romanista o le nostre indimenticabili mostre storiche sulla squadra e i suoi tifosi. Il 10 novembre 2020 ci ricorda che sono passati 10 anni dal suo ultimo sorriso, tanti ma non sufficienti a dimenticarla se mai la dimenticheremo.

Forza Roma, lo grida anche Lei, dal Paradiso ovviamente.

Roberto Cerrone Roma Club Gruppo Eni UTR